PER INFORMAZIONI

PER INFORMAZIONI ECCO LA MAIL PER COMUNICARE FORMALMENTE CON PRESIDENTE DR. GRAZIA PISCOPO

piscopo.grazia@libero.it

PER INFO SU CORSI, ATTIVITA' FORMATIVE E INFORMATIVE QUESTA E' LA MAIL DELLA SEGRETERIA

thorah@libero.it

Cerca nel blog

Statistiche Ass. Thorah

Seguici via mail

domenica 21 maggio 2017

Zohar. Il libro dello splendore. Curatore: G. Busi. Traduttore: A. L. Callow. Illustratore: N. De Maria (Einaudi)



Frode di imbroglioni, lo definì l'Ottocento positivista. Libro santo e antichissimo lo credono, ancora oggi, ebrei ortodossi di tutto il mondo. Generazioni di credenti lo hanno usato come un baluardo dell'identità ebraica, mentre per altri le sue descrizioni della divinità sono eresie, che hanno ben poco di giudaico. Ai cabbalisti cristiani, dal Rinascimento al tardo Romanticismo, "Il libro dello splendore" ha offerto materiale di propaganda missionaria, grazie alle profezie cristologiche che vi sarebbero adombrate. Se storici del pensiero e antropologi lo studiano come documento di una rarefatta fenomenologia religiosa, il lettore curioso può trovarvi una fonte quasi inesauribile di racconti e di scenografie cosmiche. Deposito di arcani, impervio nella lingua e oscuro nelle immagini, lo Zohar è uno dei testi piú criptici dell'intero misticismo ebraico. Strutturato come un commento alla Bibbia, in una cornice di pochi personaggi, che sospirano, piangono, inveiscono e vengono talora rapiti in cielo, contiene passi di intensissima forza contemplativa e associazioni simboliche sorprendentemente profonde.

Nessun commento:

Posta un commento